Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Assistenza sociale, Notarile e Titoli di studio

 

Assistenza sociale, Notarile e Titoli di studio

E-Mail: las.dortmund@esteri.it

Tel. +49 (0)231 57796 16

Fax +49 (0)231 57796 41

 

L’Ufficio LAS (Lavoro e Assistenza Sociale), Notarile e Titoli di Studio è competente per l’erogazione dei servizi consolari di seguito indicati. Per ricevere informazioni e assistenza è possibile recarsi di persona presso l’Ufficio, senza bisogno di fissare un appuntamento, durante l’orario di apertura al pubblico. Si consiglia, tuttavia, per evitare di recarsi all’Ufficio LAS sprovvisti dell’eventuale documentazione necessaria, di consultare accuratamente questa pagina, le guide in essa presenti e/o prendere contatto in precedenza con l’Ufficio. Molto spesso è sufficiente o possibile inviare la propria richiesta e ricevere le informazioni necessarie via e-mail o telefono.

 

1) Assistenza a detenuti

Nel caso di arresto nella Circoscrizione Consolare di Dortmund, il cittadino italiano ha diritto a chiedere la protezione consolare, nell’ambito della quale la Rappresentanza diplomatico-consolare può:

  • rendere visita al detenuto;
  • fornire nominativi di legali in loco (clicca qui per scaricare la lista di avvocati con conoscenza della lingua italiana);
  • curare i contatti con i familiari;
  • assicurare, quando necessario e consentito dalle norme locali, assistenza medica e generi di conforto al detenuto.

Il Consolato, per contro, non può intervenire in giudizio per conto del connazionale e/o farsi carico delle spese legali.

 

2) Assistenza economica

L’Ufficio consolare può, compatibilmente con i fondi disponibili iscritti a bilancio, erogare al cittadino italiano residente stabilmente nella propria circoscrizione consolare e che si trovi in situazione di comprovata necessità, un sussidio avente carattere di assoluta eccezionalità.

Al cittadino italiano residente in Italia o in altra circoscrizione consolare, che si trovi ad affrontare difficoltà economiche impreviste e che non possa avvalersi dell’aiuto di familiari o terze persone (per esempio attraverso società abilitate al trasferimento di contanti), può essere concesso un prestito, che l’interessato si impegna a restituire all’Erario.

Sussidi
Documentazione da esibire per richiesta di sussidio consolare “una tantum” in caso di temporanea indigenza:

  • passaporto o carta d’identità validi;
  • attestazioni relative a tutti i proventi (ultimo certificato di guadagno, provvedimento dell'ufficio del Lavoro o di assistenza, assegni familiari, assegno d’invalidità, rateo di pensione, ecc.);
  • comunicazioni dell’Ufficio sociale tedesco (Job Center, Sozialamt, Agentur für Arbeit) relative a domande di sussidio o integrazioni non concessi o percepiti;
  • estratti-conto completi degli ultimi tre mesi;
  • eventuali fatture (affitto, conguagli ecc.) non pagate.

Prestiti
I prestiti, con promessa di restituzione, possono essere concessi soltanto a connazionali di passaggio che si trovino in occasionale stato di necessità a causa di furto subito o di smarrimento dei propri mezzi.
N.B.: Tali prestiti non possono essere concessi a connazionali che abbiano già usufruito precedentemente di tale concessione anche da altri Uffici Consolari e che non possono dimostrare di aver regolarmente estinto tale debito.

 

3) Atti notarili

In attuazione dell’art. 28 del D. Lgs. 71/2011, il Decreto del Ministro degli Affari Esteri del 31 ottobre 2011 limita, a partire dal 1° gennaio 2012, l’erogazione dei servizi notarili da parte degli Uffici consolari italiani aventi sede in Austria, Belgio, Francia, Germania e Lettonia.

Tale scelta si basa, in primo luogo, sull’esistenza di convenzioni bilaterali o multilaterali che hanno soppresso, per gli atti provenienti da tali Paesi, la necessità di legalizzazione o apostille e, in secondo luogo, sul fatto che i Notariati presenti in tali Paesi hanno aderito all’Unione Internazionale del Notariato (U.I.N.L.), elemento ritenuto idoneo a garantire la presenza in loco di adeguati servizi notarili.

Per avere efficacia in Italia gli atti dovranno comunque essere tradotti da un traduttore giurato (clicca qui per scaricare l'elenco dei traduttori giurati con firma depositata in Consolato) oppure essere redatti in lingua italiana (clicca qui per accedere al portale ufficiale del notariato in Germania e ricercare un notaio che lavora anche in italiano).

Il provvedimento di cui sopra prevede che il Capo dell’Ufficio Consolare continui in ogni caso a ricevere, a richiesta di cittadini italiani, testamenti pubblici, segreti o internazionali.

È possibile, inoltre, ricevere - previa verifica della oggettiva e documentata impossibilità da parte del connazionale di rivolgersi ad un notaio in loco - atti che rivestono carattere di necessità e urgenza, quando dal ritardo possa derivare pregiudizio al cittadino.

 

4) Autoveicoli, patenti e radiazioni targhe

Patenti

  • Se vi recate per brevi periodi in Germania potete circolare utilizzando la patente di guida italiana in quanto, in base alla Direttiva comunitaria n. 91/439/CEE del 29 luglio 1991, gli Stati membri riconoscono le patenti di guida rilasciate dalle rispettive Autorità.
  • Se invece stabilite la vostra residenza in Germania è opportuno convertire la patente di guida italiana in una equipollente tedesca presso i locali uffici di motorizzazione (Straßenverkehrsamt). Qualora non si è più in possesso della patente italiana (ad esempio a causa di furto o smarrimento) o se la patente non è più in corso di validità, potrebbe essere necessario richiedere un attestato di validità della patente. È possibile richiederlo anche online sul portale dell’automobilista.

Radiazione targhe italiane

Qualora un veicolo con targa italiana venga immatricolato, rottamato oppure venduto in Germania, è necessario effettuare la radiazione (cancellazione) del veicolo dal Pubblico Registro Automobilistico italiano. A seguito della radiazione si interrompe l’obbligo del pagamento del bollo auto in Italia. La domanda di radiazione può essere presentata al PRA tramite il Consolato. Ai fini della richiesta di radiazione è necessario che il proprietario, oppure, in caso di veicolo cointestato, i proprietari, si presenti/presentino presso l’ufficio consolare con i documenti indicati in questo foglio informativo.

 

5) Assistenza sanitaria

I cittadini italiani che si recano in Germania per turismo possono utilizzare la propria tessera sanitaria italiana (TEAM) per ricevere cure e assistenza medica ospedaliera in caso di emergenze.

Per maggiori informazioni si rimanda al sito web del Ministero della Salute, che ha la competenza in materia.

I cittadini italiani che, invece, trasferiscono la propria residenza in Germania devono obbligatoriamente stipulare una polizza assicurativa presso una compagnia locale. A tal proposito si rimanda alla guida pubblicata qui.

 

6) Pensioni e agevolazioni in merito a tasse comunali riservate ai pensionati

Le norme comunitarie assicurano la parità di trattamento dei lavoratori e dei pensionati, la totalizzazione dei periodi di lavoro in Italia e all’estero e la trasferibilità delle prestazioni previdenziali nel luogo di residenza. L’Uff. LAS fornisce informazioni di carattere generale sul sistema pensionistico italiano e tedesco. Nella circoscrizione consolare operano una serie di patronati (clicca qui per la lista e i contatti) che possono fornire informazioni e assistenza nel settore previdenziale.

Presso l’Ufficio LAS del Consolato è possibile richiedere il certificato di esistenza in vita a fini pensionistici o l’autentica della propria firma sul modello predisposto e inviato al pensionato dall’INPS.

I cittadini italiani residenti all’estero (iscritti all’A.I.R.E.) e pensionati in Germania possono beneficiare di alcune agevolazioni previste dai Comuni italiani.
In particolare:

  • per ottenere la riduzione o esenzione delle imposte comunali IMU, TARI e TASI possono presentare istanza al Comune in cui posseggono l’immobile, allegando un certificato di pensione in Germania, che si può richiedere presso l’Ufficio LAS del Consolato. Qualora il Comune in cui è ubicato l’immobile sia diverso da quello di iscrizione AIRE è opportuno allegare anche un certificato di residenza all’estero.

 

7) Ricerca di connazionali

Per la ricerca di persone scomparse e già residenti nella circoscrizione consolare di Dortmund possono essere effettuati interventi presso le Autorità competenti locali. I familiari dovranno inoltrare all’Ufficio L.A.S. apposita domanda motivata con l’indicazione dei propri dati anagrafici (allegando il proprio documento d’identità) e di quelli dello scomparso indicando l’ultima residenza conosciuta ed ogni altro elemento utile al suo rintraccio.

Informazioni riguardanti cittadini italiani all’estero possono essere fornite nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (UE) 2016/679), che impone nella maggior parte dei casi il consenso della persona cercata. Tenendo presente che non tutti i cittadini italiani emigrati all’estero si sono registrati presso gli Uffici consolari italiani, qualora individuata la persona cercata, il Consolato comunicherà alla stessa i termini della richiesta ed i riferimenti del richiedente.

 

8) Riconoscimento ed equipollenza dei titoli di studio stranieri

Ogni informazione relativa al riconoscimento e alle equipollenze dei titoli di studio viene fornita dal Centro Informazione sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche (CIMEA). L’istituzione di tale Centro corrisponde agli impegni assunti dal nostro Paese con la firma, e la successiva ratifica, della Convenzione di Lisbona sul riconoscimento dei titoli di studio relativi all’insegnamento superiore nella regione europea.

In linea generale, il riconoscimento o l'equipollenza dei titoli di studio, a seconda delle finalità (di studio o professionali) sono di competenza di diverse Autorità italiane:

  • Gli Uffici Scolastici Provinciali per quanto concerne l'equipollenza dei diplomi di livello pre-universitario.
  • Le Università per quanto concerne l'equipollenza dei titoli di studio esteri di livello accademico.
  • Il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca per l'equipollenza accademica dei PhD esteri.
  • I Ministeri competenti per materia per quanto concerne il riconoscimento dei titoli abilitanti allo svolgimento di professioni regolamentate (es: medico, avvocato..)

Ai fini della partecipazione a concorsi: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione Pubblica, Ufficio P.P.A. – Servizio Reclutamento, Corso, Vittorio Emanuele II, 116 – 00186 Roma, Tel. 06-6899.7563 / 7453 / 7470. E-mail: servizioreclutamento@funzionepubblica.it.

Il Consolato può emettere, per i titoli di studio e diplomi rilasciati da una scuola o università compresa nel territorio della circoscrizione consolare di Dortmund una dichiarazione di valore, che è necessaria per ottenere il riconoscimento in Italia o per proseguire gli studi. Per tutte le informazioni relative alla richiesta di dichiarazione di valore si rimanda al relativo foglio informativo.

Invece, per quanto concerne i titoli di studio o diplomi italiani per i quali si voglia richiederne il riconoscimento in Germania, è possibile consultare il sito Anerkennung in Deutschland

Ulteriori informazioni, specificatamente alla regione Nordreno-Vestfalia sono reperibili sul seguente sito del Ministero della Scuola e della Formazione del Nordrhein-Westfalen.

 

Documenti utili in formato PDF


19