Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

“Astratti e Ritratti” di Daniele Marzocchi: astrazione e pittura foto-realistica in mostra al Consolato

Data:

18/10/2018


“Astratti e Ritratti” di Daniele Marzocchi: astrazione e pittura foto-realistica in mostra al Consolato

“La mia infanzia e l’adolescenza sono state accompagnate da varie sperimentazioni grafico-pittoriche: il disegno, la china, i pastelli e, più tardi, il colore a tempera. Sono stato influenzato da mia nonna materna, pittrice amatoriale di discreta notorietà, e da mia madre, casalinga autodidatta che dipingeva nature morte, la quale non si è mai separata dalla pittura.”

Con questa citazione dell’artista, Daniele Marzocchi, vi presentiamo l’attuale esposizione pittorica “Astratti e Ritratti” ospitata nel Salone del Consolato d’Italia a Dortmund. La mostra è stata inaugurata dal Console Franco Giordani il 16 ottobre 2018 alla presenza di oltre un centinaio di ospiti italiani e tedeschi, che hanno potuto ammirare le opere e gustare le bontà culinarie italiane sorseggiando un buon vino del nostro belpaese.

dsc05169

 

dsc05300

dsc05352

Nel corso della presentazione del vernissage ha avuto luogo, inoltre, la performance canora della soprano italiana Claudia Oddo che, accompagnata dallo splendido violino del musicista Bulka Janusz, ha incantato i partecipanti rendendo l’atmosfera ancora più magica.

dsc05222

dsc05235

dsc05247

dsc05270

dsc05319

Nell’opera di Daniele Marzocchi, nato a Ferrara nel ’69 e trasferitosi in Germania nel ’93, la sperimentazione e la metodica ricoprono un ruolo determinante. L’astrazione si fonde con l’eleganza femminile. L’amore dell’artista per la pittura foto-realistica, lo porta a utilizzare nelle sue opere attuali l’aerografo, strumento che gli permette di delineare in maniera perfetta i suoi volti femminili che vengono accostati a elementi astratti inusuali, al fine di suscitare la curiosità dell’osservatore.

dsc05191

dsc05188

Intento dell’artista è creare un gioco percettivo, una situazione di disorientamento leggero nell’osservatore; ma il momentaneo smarrimento sensoriale, tra labirinti di colori e forme da scoprire, viene subito annullato dalla materna carezza di un ritratto amichevole. Ci si trova di fronte a un collage dipinto e tante opposizioni cromatiche tipiche dei colori complementari. La presenza di un viso femminile vuole lanciare un messaggio positivo di umano calore, perciò anche le espressioni non sono scelte a caso. irradiano l'energia tipica di chi ha raggiunto una stabile serenità esistenziale e una profonda pace interiore.

dsc05360

“Nel periodo storico attuale – afferma l’artista – in cui abbiamo superato le utopie ideologiche del passato senza aver trovato nuovi scopi collettivi per un futuro di rispetto della persona e della natura; nel mondo odierno, afflitto da seri motivi di crisi e stordito dalla cultura del rapido virtuale e del consumismo sfrenato, non resta che astenermi. Senza cedere però all’impotenza, convinto come sono, che ognuno ha dentro la forza per crearsi un'oasi di positività, condizione necessaria a diffondere intorno armonia. Rispondo così all’esigenza di risvegliare i sentimenti intimi e i ricordi gioiosi che tutti portano in sé. Anche se opacizzati da una realtà che obbliga le persone a dover sempre e solo brillare in efficienza e a trasformarsi così sempre più in masse funzionali ad un sistema atto a ridurre a fattori economici sempre più aspetti della nostra esistenza.”

dsc05288

L’esposizione artistica di Marzocchi sarà visitabile durante l’orario di apertura al pubblico del Consolato fino a gennaio 2019.

Fotografie di Vincenzo Manzo

 

dsc05184

dsc05285

dsc05293


275